avvocati matrimonialisti avvocato divorzista divorzio separazione roma milano

Tag:studio consulenza legale miglior avvocato divorzista san giorgio a cremano

Powered by Tags for Joomla

studio legale | avvocato matrimonialista divorzista

 La decisione della "avvocato divorzista firenze" separazione consensuale è di sicuro una strada più veloce e che implica meno difficoltà sopratutto di livello economico per mettere fine alla propria unione matrimoniale. Questa si basa fondamentalmente nell'intesa dei coniugi che viene espressa dinanzi al Tribunale. Il tempo che occorre per negoziare una separazione consensuale (ovvero il tempo intercorrente tra il deposito del ricorso e l'omologazione del Tribunale) varia tra i 3 - 5 mesi, a fronte di un periodo di tempo sicuramente più lungo (2-3 anni) per conseguire ad una separazione di tipo giudiziale.

Oltre a ciò nel caso di "avvocati divorzisti firenze" divisione giudiziale i tempi possono essere più avanti anche ampliati da ipotetico appello o ricorso in cassazione. Vissuti i tre anni dal giorno della separazione è possibile cominciare le procedure per acquisire il divorzio. Anche in questo caso la decisione del divorzio congiunto, restringe abbondantemente i tempi ed il costo della prassi.

La causa di separazione consensuale "avvocato matrimonialista firenze" (e anche quella di divorzio congiunto), si avvia con la esibizione di un ricorso al Tribunale del luogo di residenza o domicilio dell'uno o dell'altro coniuge. Una volta depositato il ricorso, viene predisposto e composto il dossier d'ufficio ed il presidente del tribunale fissa con decreto l'udienza dove i coniugi devono mostrarsi personalmente (Questo avviene circa tre/quattro mesi dopo la presentazione del ricorso).

Nel corso di simile udienza dovrà essere "avvocati matrimonialisti firenze" esperito la prova di pacificazione dei coniugi, il cui conseguimento è un caso enormemente raro. Nella summenzionata ipotesi verrebbe redatto verbale di conciliazione in cui sarebbe scritta tale volontà. L'ipotesi più abituale invece è quella in cui, le parti ribadiscono la loro volontà di separarsi alle condizioni di cui al ricorso.

Il Tribunale esegue un supervisione "studio legale firenze" di analogia tra quanto domandato nel ricorso e la normativa valida in materia, ponendo specifica attenzione e cura all'aspetto dell'affidamento e del mantenimento dei figli. Si tratta della c.d. convalida, cioè il controllo sulla concordia e conciliabilità degli accordi di separazione alla legge; è un metodo che si instaura d'ufficio e contrassegna la fase ultima della separazione consensuale, dando piena validità agli accordi di separazione A discordanza della separazione consensuale, quella giudiziale implica il dare avvio di una lite giudiziale.

Particolarità della separazione giudiziale, "avvocato firenze"è la possibilità dell'addebito della separazione  - divorzio ad uno dei coniugi. E' possibile che uno dei coniugi chieda appositamente al Tribunale di dichiarare l'altro coniuge come unico responsabile del fallimento coniugale. L'art. 151 del codice civile stabilisce che" il Giudice annuncia, dove ne ricorrano le circostanze e ne sia richiesto, a quale dei coniugi sia addebitabile la separazione in stima del suo atteggiamento contrario ai doveri che nascono dal matrimonio." Diversi sono gli atteggiamento ed i fatti che possono recare l'addebito di una separazione.

Avvocato di Diritto Civile | Divorzio Separazione

La norma sull'affidamento "avvocati divorzisti parma" congiunto bisogna interpretarla come uno spostamento avvenuto a seguito di accesi dibattiti giurisprudenziali e dottrinali dell'interessei dei figli verso una soluzione di affidamento congiunto quindi non come la norma di affidamento congiunto o disposuizione che è atutela e salvaguardia dell'interesse dei genitori seppur affettivo.

Prima della "avvocati parma" riforma non esisteva di per se un genitore più idoneo ad ottenere l’affidamento di un "avvocati divorzisti parma" figlio (anche se nella stragrande maggioranza dei casi finiva per essere la madre), a seguito della legge n. 54/2006 esiste una presunzione circa l’idoneità di entrambi i genitori a proseguire nei propri compiti di genitore “a tempo pieno”.

Con l’introduzione "avvocato divorzista parma" del nuovo testo dell’articolo 155 c.c. sarà l’organo giudicante, il quale valuterà se esistono elementi o situazioni specifiche che ostano all’affidamento congiunto (o affidamento condiviso), tenendo presenti una serie di elementi prognostici che sono già stati in passato indicati dalla giurisprudenza di legittimità, quali la capacità di relazione affettiva, di disponibilità ad un assiduo rapporto, alle consuetudini di vita e all’ambiente che è in grado di offrire al minore.

Le modalità attraverso le quali può "avvocato divorzista parma" esplicarsi l’affidamento congiunto (o affidamento condiviso) sono sostanzialmente due e cioè: 1) l’affidamento a residenza alternata, caratterizzato dal fatto che il minore alterna periodi di convivenza presso l’uno e l’altro genitore o sono gli stessi genitori ad alternarsi nella casa dove i figli abitano stabilmente e 2) l’affidamento a residenza privilegiata, il quale prevede che il minore risieda prevalentemente presso l’abitazione del coniuge ritenuto più idoneo.

Nella scelta verrà "divorzista parma" sempre preso in considerazione l’interesse del minore a continuare a vivere nell’ambiente e nell’abitazione dove egli ha vissuto prima del dissolversi dell’unione affettiva dei genitori e questo ovviamente per ridurre al minimo i traumi derivanti dalla separazione.

La nuova disciplina pur non indicando le linee guida relative all’applicazione concreta dell’istituto dell’affidamento "divorzista parma" congiunto, esprime in pieno un principio di fondamentale importanza: quello della “bigenitorialità” e del relativo esercizio congiunto della potestà. La potestà è per entrambi i genitori mentre in passato spettava meramente al genitore al quale erano affidati i figli. Il diritto / dovere di mantenere, istruire, educare la prole spetta ad entrambi i genitori i quali possono adottare liberamente le decisioni che ritengono opportune per il minore, durante il periodo in cui quest’ultimo coabita con il genitore. E ovvero che nel periodo in cui il minore risiede presso un genitore, sarà quest’ultimo ad adottare tutte le decisioni di “ordinaria amministrazione”, mentre per tutte quelle decisioni di maggiore importanza sarà necessario l’intervento di entrambi i genitori. Questo tipo di affidamento vuole ovviamente che tra i genitori esista uno spirito collaborativo e quindi anche un senso di responsabilità che troppo spesso risulta essere carente nella pratica. Invece una persistente e ostinata situazione di conflittualità tra i genitori non consentirebbe di adottare le più semplici e quotidiane decisioni nell’interesse nel figlio o ancor peggio quelle di maggior importanza, si rischierebbe di pregiudicare oltremodo la sfera psichica del figlio e di paralizzare l’attività dei Tribunali, attraverso spessissimi ricorsi al Giudice, diretti a dirimere quindi ogni minimo conflitto e controversia dei genitori.